VIVO EN ITALIA

Escribiendo mi propia historia…un espacio para compartir aventuras y experiencias sobre este país mediterráneo.
PayDay Loans viagra

Incontri ravvicinati del terzo tipo (la guerra contro i camerieri)

Traducir este post

los meseros contra elsahuaroI seguenti dialoghi non sono uno scherzo, corrispondono fedelmente alla realtà dei fatti che ci sono successi a me e al mio compagno in due viaggi che abbiamo fatto, il primo in Messico ed il secondo in Italia:

Primo atto:“Gamberoni, ai confini della realtà”- 28/Dic/08 San Quintin, BC-Messico

Erano le 10 di sera, abbiamo guidato per circa 6 ore continue ed eravamo stanchi e affamati, cosi Franz e io abbiamo deciso di concederci una meritevole sosta per riposare e mangiare un boccone.

In fondo sulla strada, quasi 50 mt davanti a noi, abbiamo identificato un cartello con scritto “specialità pesce”, ci siamo guardati entrambi e faccendoni un segno di approvazione decidiamo di fermarci in quel presumibile “ristorante di specialità pesce”.

Una volta entrati nel ristorante, percepiamo un rumore di metalli dietro a noi, quelle cose che suonavano erano praticamente un mucchio di campanelle appese alla porta, tipico sistema di alarme di alcuni negozi, soprattutto di quelli che attendono a lungo prima di vedere al meno l’ombra di un cliente.

Eravamo li, in quella dimensione sconosciuta solo noi due, il cameriere ed il “cuoco”. Dopo qualche instante di che l’unico cameriere ci porta il “misterioso” menu, inizia il seguente dialogo:

Cameriere : Pronti per ordinare?, cosa vi porto ?

Io : Scusa, come sono i “camarones (gamberoni) alla veracruzana”

Cameriere : Mmm! non lo so, devo chiedere al cuoco (va a parlare col cuoco torna da noi e mi spiega il piatto)

Io: Scusa e come sono i “camarones rancheros”

Cameriere : Mmm! Scusa ma anche questa non la so, devo chiedere al cuoco

Io:Va bene non ti preoccupare, a me portami i “camarones rancheros” e al lui (Franz) una bistecca alla milanese con le patate.

Poi, dopo quasi 5 minuti il cameriere tona e…

Cameriere: Vi porto qualcosa da bere?

Io: si, avete analcolici o aqua?

Cameriere: “limonada”, “agua fresca de jamaica (karcadè)” e “agua de arroz”

Io: ok, portaci due limonadas

Cameriere: Ah no! adesso mi ricordo che l’abbiamo finita

Io: va bene, allora portaci due “agua de jamaica”

Cameriere: esta bien!

Io: scusa sapresti dirmi dove c’e un’albergo vicino?

Cameriere: no, non lo so devo chiedere al cuoco!

Io: ok (il cameriere si allontana per chiedere informazione al cosi detto cuoco e poi torna da noi.)

Io: un’altra cosa, sai quanto dista da qui La Paz (un’altra città che si trova nella punta della peninsola della Bassa California),  la conosci? sei mai andato?

Cameriere: ah si, la conozco molto bene, ci sono andato molte volte!

Io: E quanto tempo ci metti in macchina?

Cameriere: ah questo non lo so!

Io: come non lo sai, ma non hai appena detto che ci sei andato molte volte?

Cameriere: si, ma tutte le volte mi sono addormentato in macchina, quindi non lo so.

Io: ma ne hai almeno idea di quanto tempo ci vuole?

Cameriere: no neanche la più palida, se me aspetti un attimo vado a chiedere al cuoco!

Veramente non ero certa di quello che stava succedendo, avevo l’impressione di essere come in candid-camera o in una dimensione sconosciuta!!, avevo paura di fare delle domande, comunque sempre c’era il fatidico “non lo so devo chiedere al cuoco”.

Il mio compagno guarda l’orologio e poi mi dice che è ora di alzare i tacchi”, quindi chiamo di nuovo il cameriere per chiederle il conto:

Io: cameriere, il conto per favore!,

Cameriere: ah si, subito! Poi ci porta il conto e le faccio l’ultima domanda

Io: Quanto è il cambio dolaro-pesos

Cameriere: non lo so devo chi…..

Io: che non lo lascio finire la frase le dico-. Non ti preoccupare, non c’e problema facci il conto te!

Uffa ragazzi, che serata!!!

incontri-ravvicinati-del-terzo-tipoSecondo atto: “Incontro con l’ignoto”- 03/Gen/09, San Cristobal de las Casas – Messico

Dopo di avere fatto una deliziosa e abbondante colazione er concludere abbiamo chiesto al cameriere di portarci 4 caffè espresso…

Io: cameriere

Cameriere: (non risponde)

Io: cameriere scusi, 4 caffè espresso per favore

Cameriere: Certo, nessun problema

Passano più di 15 minuti e del cameriere non c’è proprio nessuna traccia, sembra che si sia evaporato nel nulla.

Cosi, dopo di tanta attesa ho pensato che prima d’iniziare a pietrificarci sulle sedie era meglio che io andassi a cercarlo ma prima ho dato uno sguardo verso il banco, lui era proprio li, perplesso e immobile davanti alla macchinetta del caffè.

Quindi torno al mio fiduciosa che ci avrebbe messo un attimo a portarci il caffè.

Il tepo continua scorrere e noi senza parole che lo guardavamo dal nostro tavolo.

Dopo un po’ il cameriere che aveva presso un colore rosso peperoncino si avvicina a noi e ci dice quasi quasi bisbigliando:

“Scusate, ma non so utilizzare la macchinetta del caffè, oggi è il mio primo giorno di lavoro!”

Certamente noi abbiamo capito la situazione del non avere familiarità con la macchinetta ma questo non c’è lo poteva dire 20 min prima di farci aspettare!!!

Un pò contrariati, ci siamo alzati del tavolo arrabbiati ma anche ridendo di questa buffa situazione. Lui , il cameriere ancora molto dispiaciuto ci porta il conto e poi ci saluta molto gentilmente.

Mamma mia che odissea!!

……

Ultimo e terzo atto: “Butta pure per terra”- 15/Ago/08, Napoli – Italia

Io e Franz arriviamo a uno dei migliori ristoranti di Napoli, che si trova nella zona vicina al porto. Dopo di avere mangiato un piatto di spaghetti con le vongole, ascendo una sigaretta (come dice una mia amica messicana: después de un buen taco, un buen tabaco,)

Un instante dopo mi accorgo che non abbiamo il portacenere sul nostro tavolo, non mi resta che mettere la mano sotto la sigaretta perche non cadessero le ceneri sulla tovaglia o sul pavimento il quale era coperto per un tappeto di prato sintetico. Attendo a che passi uno dei camerieri per chiederle “qualcosa” dove posare le cenere. Dopo vari intenti, finalmente uno si avvicina

Io: ci porti un portacenere per favore

Cameriere: ma non c’è problema, butta pure per terra!!

Cosa? Butta pure per terra, ma dove siamo? allo zoo?

s o n o   s e n z a p a r o l e !

Bookmark and Share

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Posted in GENTE 10 years, 1 month ago at 9:30 PM.

Add a comment

No Replies

Feel free to leave a reply using the form below!


Leave a Reply

Spam Protection by WP-SpamFree


VIVO EN ITALIA é a prova di Digg grazie alla cache fornita da WP Super Cache

Better Tag Cloud